“Ascensore è libertà”, un manifesto per garantire la piena inclusione sociale delle persone anziane

[3/7/17]  “Ascensore è libertà” è questo il titolo della campagna promossa dalle 12 Auser territoriali dell'Emilia Romagna. La campagna riguarda la consistente carenza, in regione, come nel resto d'Italia, di ascensori negli edifici con più di tre piani. “Ma consentire alle persone di uscire dalla propria casa – afferma Fausto Viviani presidente di Auser Emilia Romagna - è un diritto da far rispettare”. La campagna prende avvio da un Manifesto che fissa le motivazioni di questo nuovo impegno di Auser e le azioni che si vogliono intraprendere nei prossimi mesi.

Già oggi in Italia vi sono 13 milioni di persone anziane con età superiore ai 64 anni. “Ma tra 50 anni un terzo della popolazione lo sarà - spiega Gianluigi Bovini, demografo di lunga esperienza che ha aiutato Auser in questa campagna – e a livello regionale le previsioni statistiche ci dicono che se oggi vi sono 1.050.000 anziani, nel 2066 saranno 1 milione e mezzo”.
Dai dati in possesso risulta che in Emilia Romagna, ma i numeri sono simili a livello nazionale, nel 69% dei casi gli edifici con quattro piani e oltre, non sono dotati di un ascensore, in termini assoluti 60.465 edifici. La legge n.13 del 1989 obbliga la dotazione di ascensori nei nuovi edifici con più di tre piani, ma tutti quelli che sono stati costruiti prima naturalmente non hanno questo obbligo. Il risultato di questa situazione è che oggi, e ancor più in futuro, le persone con mobilità ridotta saranno a rischio di esclusione, di qui l'idea della campagna.
Leggi tutto e scarica i materiali illustrativi su bandieragialla