News

Eliminazione delle barriere architettoniche e installazione di impianti capaci di recare pregiudizio alla sicurezza degli edifici

[15/6/19]  E’ legittima una delibera che tramite l’installazione di un ascensore esterno non elimini, ma semplicemente attenui, i disagi provocati dalla presenza di barriere architettoniche in condominio, e ciò anche a fronte di un’eventuale violazione del regolamento condominiale. L’unico limite è infatti rappresentato dal rispetto dalla sicurezza e salubrità dell’edificio.
La vicenda: due condomini ricorrono all’ultimo grado di giudizio per riformare la sentenza di Corte d’Appello che, nel confermare il rigetto dell’impugnativa statuito dal Giudice di prime cure, aveva ritenuto che la delibera di installazione di un ascensore esterno fosse legittima perché giustificata dalla presenza di un condomino portatore di disabilità.

Abitare: un diritto anche per le persone con disabilità. Uno sguardo finalmente diverso, sui servizi e i loro mandati, ispirato alla Convenzione ONU

[24/5/19] E' in corso un gigantesco “cantiere di trasformazione” dell’azione dei servizi per la disabilità. Un cantiere entusiasmante oltre che grande perché, come in molti hanno già sottolineato, l’occasione è quella generare opportunità di sviluppo comunitario e sociale di grande interesse per tutti, facendo uscire la condizione di disabilità dalla residualità e marginalità in cui spesso è stata relegata. Molti i movimenti nati dentro a queste trasformazioni (come ad esempio la rete italiana "immaginabili risorse"). Analoghi movimenti di cambiamento stanno interessando altri settori tipici delle politiche e dei servizi per le persone con disabilità.  Anche nel nostro paese le cose sono in movimento. Certo in Italia questo processo appare più timido, incerto, frammentato rispetto ad alcune nazioni più “coraggiose”. Vorrei rivolgere al riguardo qualche pensiero ad un ambito di politiche solitamente rubricato sotto il titolo di “strutture residenziali per persone con disabilità”.

Disabilità, dalla Regione 6,5 milioni ai Comuni contro le barriere architettoniche

[22/5/17] Abitazioni che hanno porte troppo strette, pavimenti scivolosi, bagni poco funzionali, oppure edifici privi di ascensore o montascale. Una risposta concreta ai bisogni di questi cittadini arriva dalla Regione Emilia-Romagna, che per il 2019 mette in campo 6,5 milioni di contributi per finanziare interventi negli appartamenti e nelle parti comuni dei palazzi abitati da disabili  frutto della ripartizione dei 29 milioni  di euro del Fondo  nazionale per il superamento  delle barriere architettoniche concessi all’Emilia-Romagna nel triennio 2018-2020.
Potrà essere soddisfatta, da Piacenza a Rimini, una parte delle 6.722 domande presenti nelle graduatorie comunali al 1^ marzo 2019, dando precedenza a situazioni di maggiore gravità (disabilità motoria certificata al 100%).

Sanità: Rapporto Osservasalute 2018

[22/5/19] Presentato il Rapporto Osservasalute 2018, che si sofferma in particolare sui temi dell’invecchiamento della popolazione e dell'aumento delle malattie croniche che ricadono per circa l'80% nei costi del Servizio Sanitario Nazionale. Aumentano gli anziani, aumentano i bisogni assistenziali, di conseguenza la spesa.
Nel 2017, gli  ultra 65enni sono  oltre 13,5 milioni, il  22,3% della popolazione  totale. Le proiezioni della  cronicità indicano  che tra meno  di 10 anni, nel 2028, il  numero di malati cronici salirà a  oltre 25 milioni (oggi sono  quasi 24 milioni), mentre  i multi-cronici saranno circa 14 milioni (oggi sono oltre 12,5 milioni).

Le novità tecnologiche a supporto delle autonomie quotidiane e della sicurezza delle persone con disabilità. Corso a Bologna

[17/5/19] Corso organizzato dal Centro regionale ausili/Ausilioteca Bologna per il giorno 13 giugno p.v., dalle 9 alle 16,30.
Dai nuovi LEA, all’evoluzione delle tecnologie domotiche e IoT, passando per gli assistenti vocali e i servizi innovativi, una guida per comprendere uno scenario che cambia.  L’evento si rivolge a chi si occupa di disabilità, senza competenze tecniche specifiche, in quanto addetto ai lavori per quanto riguarda gli ausili ed i progetti di vita autonoma.

Condividi contenuti