News

La casa che trasforma i suoni in stimoli visivi. Prototipo nelle Marche

[8/1/14]  Nel piccolo centro di Borghetto di Monte San Vito, in provincia di Ancona, un appartamento è stato studiato per essere completamente fruibile dalle persone sorde. Come? Con una serie di accorgimenti, per lo più di natura illuminotecnica, che "traducono tutto il mondo in visibilità", come dice l'architetta Consuelo Agnesi, progettista e persona sorda, spiegando che qui risiede l'essenza dell'accessibilità per chi non sente: trasformare gli effetti sonori in stimoli visivi.

Rapporto 2013 di Cittadinanzattiva su politiche della cronicità

(17/12/13)  Avere una o più patologie croniche o rare, o accudire una persona malata, è diventato oggi un “lusso” che non ci si può più permettere, perché i costi diretti ed indiretti della malattia risultano insostenibili per un numero crescente di pazienti e di famiglie. E l’estremo risultato è non solo non curarsi nella maniera adeguata, ma addirittura “nascondere” la propria patologia in alcuni contesti, fra cui quello lavorativo.

La soddisfazione degli utenti del servizio CAAD

(10/12/13)  Il Centro regionale ausili di Bologna collabora da anni per le tesi degli studenti dei corsi di laura di fisioterapia degli atenei della regione.
Venerdì 20 dicembre dalle 10.00 alle 12.00 presso la sede del Centro Regionale Ausili di via S.Isaia 90  avverrà la presentazione/illustrazione di 4 di queste tesi, che rappresentano  pregevoli lavori, meritevoli di essere divulgati un pubblico più ampio.
Una di queste tesi è imperniata su una analisi del grado di soddisfazione degli utenti del servizio CAAD (La valutazione della qualità degli interventi di adattamento dell'ambiente domestico. Indagine su un campione di utenti della provincia di Bologna, a cura di Carolina Bardi, Università di Ferrara).
L'evento non è accreditato, è comunque gradita l’iscrizione dal sito del CRA 
(fonte CRA Bologna)

Traumi e non autosufficienza: incidenti stradali nel 2012

(6/12/13)  Nel 2012, in Italia, sono stati registrati 186.726 incidenti stradali con lesioni a persone, 3653 decessi (entro il trentesimo giorno) e 264.716 feriti. Rispetto all’anno precedente si è osservata una diminuzione del 9,2% degli incidenti, del 9,3% dei feriti e del 5,4% nel numero di morti. Dai dati emerge che gli incidenti più gravi avvengono sulle strade extraurbane (escluse le autostrade), dove l'indice di mortalità raggiunge il livello di 4,94 decessi ogni 100 incidenti. L'indice di mortalità raggiunge il valore massimo alle 3, alle 5 e alle 6 del mattino (4,64 decessi ogni 100 incidenti) mentre la domenica è il giorno con l’incidenza maggiore (2,99 morti per 100 incidenti). Sono alcuni dei dati che emergono dal rapporto Istat “Incidenti stradali in Italia. Anno 2012” pubblicato a novembre 2013.
Per maggiori informazioni consulta il sito Istat
(fonte newsletter Epicentro)

Incidenti domestici e non autosufficienza: dati 2012

(6/12/13)  La casa è ritenuta il luogo sicuro per eccellenza, eppure gli infortuni domestici costituiscono un problema di salute di grandi dimensioni che interessa prevalentemente l’infanzia (pdf 1,1 Mb da pag.75), il lavoro domestico (ppt 345 kb) e l’età avanzata.
Secondo le stime dell’Istat, nel 2011, si sono infortunate circa 2.800.000 persone, di cui il 12% erano bambini di età inferiore ai 14 anni e il 35% adulti di età superiore ai 64 anni.
Nel periodo 2009-2012, la percentuale di intervistati che percepisce alta (o molto alta) la possibilità di un infortunio in ambiente domestico risulta pari al 6,4%.
Leggi il  rapporto nazionale dedicato alla sicurezza domestica nel sito di Epicentro
(fonte newsletter Epicentro)

Condividi contenuti