News

Anziani attivi e in salute. Il ruolo dell'adattamento domestico

[1/12/16] Parteciperà anche il CAAD di Forlì al ciclo di incontri che il Coordinamento Unitario Pensionati Lavoro Autonomo della Provincia di Forlì-Cesena organizza sui temi del benessere delle persone anziane. Martedì 6 dicembre alle ore 15 presso la sede di Confesercenti (Via Grado 2, Forlì) incontro sul tema "Casa sicura e addattamento domestico. Rendere adeguato l’ambiente domestico alle esigenze delle persone anziane".
Scarica il volantino dell'iniziativa

Nuovi Lea. I fisioterapisti chiedono più diritti per i disabili

[1/12/16] L’AIFI: “ I nuovi Lea dovrebbero garantire multidisciplinarietà, uniformità delle diciture per la riduzione del numero delle impegnative, criticità sull’acquisto di ausili complessi tramite gara. Il presidente dell’associazione, Mauro Tavarnelli, è stato ascoltato presso la XII Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati. 
Leggi tutto su quotidiano sanità
 

Domiciliarità ed abitare. Uno speciale di Per Lunga Vita

[1/12/16] Il sito perlungavita.it, dedicato a vecchiaia, cronicità e disabilità ha organizzato il Focus di novembre sui temi della domiciliarità e della solidarietà sociale, dell’abitare, della città e della partecipazione, tutte condizioni in stretta connessione.
Del significato di domiciliarità parla Salvatore Rao, Presidente de La Bottega del Possibile, associazione promotrice e custode di questo concetto, ospite fissa del sito con i suoi esperti.

Finanziaria 2017. Mancano i soldi per abbattere le barriere architettoniche

[24/11/16] Il fondo nazionale (in E.Romagna ne esiste anche uno regionale, ndr) per l’abbattimento delle barriere architettoniche non sarà rifinanziato neanche nel 2017. I comuni chiedono almeno di essere liberati da obblighi burocratici che non porteranno ad alcun rimborso. Una scelta politica precisa più che una imposizione dettata dalle ristrettezze di bilancio.
L'analisi di Raffaele Lungarella su LaVoce.info

 

Prendiamo le distanze da questi LEA

[24/11/16] «Non potevamo aspettarci nulla di diverso: quando un testo di questa portata viene redatto ignorando la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, l’esito non può che essere un testo obsoleto, inadeguato, ampiamente irricevibile»: è questa la dura presa di posizione di Vincenzo Falabella, presidente della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), dopo l'audizione in Commissione Affari Sociali della Camera, dove si discute il Decreto sui nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza).

Condividi contenuti